.comment-link {margin-left:.6em;} <$BlogRSDURL$>

Logging ideas and thoughts

Monday, January 30, 2012

POTEVAMO
FORSE 
DIMENTICARLO?POTEVA


Sempre estratto dal Frankfurter Allgemeine Zeitung del 30.01.2012

Nach Durchsuchung im PräsidialamtRücktrittsforderungen an Wulff

30.01.2012 ·  Nach der Durchsuchung des Büros von Wulffs ehemaligem Sprecher im Bundespräsidialamt wird die Kritik am Bundespräsidenten wieder lauter: SPD-Generalsekretärin Nahles sagt, Wulff habe es nun „allein in der Hand“, die richtigen Konsequenzen zu ziehen.
Che, detto tra noi, vuol dire:
Dopo la perquisizione negli uffici presidenziali
Invito a dimettersi a Wulff 
30.01.12 - Dopo la perquisizione dell'ufficio del precedente portavoce di Wulff, la critica relativa al Presidente della Federazione è salita di tono: la Segretaria Generale dell'SPD Nahles dice, Wulff ha da "solo in sue proprie mani " le conseguenze corrette da trarne.

Fosse stato un Berlusconi, ne avrebbero scritto  per giorni, in tutte le edizioni, tutti i migliori articolisti politici.
IN ATTESA DELGAULEITER DI  GRANDE GERMANIA


E se la Grecia dirà di no noi le spezzeremo le reni!

Sunday, January 29, 2012


  Angela   
    pour     
  Nicolas  

SANTI PROTETTORI


Dopo San Gennaro, santo che in realtà ha fallito in molti settori della vita di Napoli (monnezza docet), passiamo ora a considerare un empireo di più alto livello: Sant'Angela. Chi? Merici? No! Merkel!

Da "Le Monde" del 29/01/12

BERLIN, CORRESPONDANCE - Angela Merkel vote Nicolas Sarkozy. Tel est le message qu'a fait passer Hermann Grohe, secrétaire général de la CDU, invité à s'exprimer, samedi 28 janvier, devant le conseil national de l'UMP réuni à Paris. Le numéro deux de la CDU a indiqué que la présidente du parti, Angela Merkel, souhaite "bonne chance" à l'UMP et à Nicolas Sarkozy pour l'élection présidentielle à venir.
Hermann Grohe, un fidèle de la chancelière, a même été plus précis et a indiqué que pour la CDU, "Nicolas Sarkozy est l'homme qu'il faut pour être à l'Elysée, aujourd'hui et à l'avenir". Il a d'ailleurs annoncé qu'"Angela Merkel va soutenir Nicolas Sarkozy lors de rendez-vous de campagne au printemps".
Ce protestant (comme la chancelière) qui fait – comme celle-ci – partie des modérés du parti chrétien-démocrate, a aussi décoché quelques flèches à l'égard de François Hollande. Jusqu'ici, "ses vagues propositions n'apportent aucune réponse aux problèmes urgents de notre temps", indique la CDU.

Le soutien de la CDU au candidat probable de l'UMP n'est pas une surprise. Les deux formations font partie de la même famille politique européenne. François Hollande a, lui, reçu le soutien du parti social-démocrate (SPD) qui l'a invité à prononcer un discours lors de son congrès le 5 décembre 2010 à Berlin.

François Hollande avait alors estimé que sa victoire constituerait un signal fort en Europe et préfigurerait peut-être la victoire du SPD lors des élections de 2013. Il n'en reste pas moins que François Hollande a bien pris soin de ne pas critiquer explicitement Angela Merkel et a affirmé à de multiples reprises qu'une fois élu président, c'est en Allemagne qu'il effectuerait sa première visite officielle. Mais son soutien aux euro-obligations, son souhait d'élargir le mandat de la banque centrale européenne et ses réserves face à l'inscription de la "règle d'or" budgétaire dans la Constitution sont autant de sujets qui le séparent des dirigeants allemands.

UN SOUTIEN PAS DÉSINTÉRESSÉ

Le soutien d'Angela Merkel à Nicolas Sarkozy n'est pas désintéressé. Depuis le début de la crise en Europe, chaque élection – en Irlande, au Portugal, en Espagne, au Danemark – a provoqué un changement de majorité. Si c'est également le cas en France, cela pourrait être de mauvais augure pour la chancelière. De plus, celle-ci ne peut que se féliciter que Nicolas Sarkozy indique que l'Allemagne soit l'exemple à suivre.

Néanmoins, la chancelière ne passe pas pour une sentimentale. Hasard du calendrier ? Le 13 janvier, quelques heures avant la dégradation de la France par l'agence de notation Standard & Poor's, le porte-parole d'Angela Merkel annonçait un calendrier de rencontres bilatérales sans précédent entre la chancelière et ses homologues européens en vue du sommet du 30 janvier. En dix jours, la chancelière a rencontré à Berlin pas moins de huit dirigeants européens. Comme s'il était déjà temps de préparer l'après-"Merkozy".

Frédéric Lemaître


COMMENTI? Viva l'Europa Unita!

Thursday, January 26, 2012

                  
                             Deutschland, Deutschland...
                  

Riferendosi ai problemi connessi con la crisi dell'Euro  George Soros ha detto recentemente (24 o 25 gennaio):
 „Deutschland diktiert eine Politik, die in eine Schuldenspirale mit deflationären Folgen führt“

...il che vuol dire che: "La Germania impone una politica che conduce ad una spirale di debiti con un seguito deflazionario"
In parole povere, che "il tutto andrà a p...", aggiungo io.


Friday, January 13, 2012


LAVORARE! Perché? Con quale scopo? Con quali mezzi?
Il Frankfurter Allgemeine di oggi 13 gennaio informa:
"EU-VergleichDeutsche arbeiten sechs Wochen mehr als Franzosen (ovvero: i Tedeschi lavorano sei settimane più dei Francesi)

12.01.2012 ·  1904 Stunden verbringen die Deutschen im Durchschnitt am Arbeitsplatz. Die Franzosen etwa arbeiten im Jahr sechs Wochen weniger. Deutsche Arbeitnehmer sind im EU-Vergleich allerdings nicht die fleißigsten.
Von CHRISTIAN SCHUBERT, PARIS
© RÜCHEL, DIETERWer hat an der Uhr gedreht? Die Deutschen arbeiten im Jahr im Durchschnitt 1904 Stunden
Die Franzosen arbeiten durchschnittlich sechs Wochen im Jahr weniger als die Deutschen. Zu diesem Ergebnis kommt eine Studie der französischen Beratungsgesellschaft COERexecode, die sich auf Daten der europäischen Statistikbehörde Eurostat für das Jahr 2010 stützt.
Nach der Untersuchung, die in Frankreich viel Aufsehen erregt, arbeiten im Vergleich der abhängig Vollzeit-Beschäftigten innerhalb der Europäischen Union nur die Finnen weniger als die Franzosen. Die Daten beziehen sich auf die effektive Arbeitszeit und berücksichtigen auch Fehlzeiten durch Krankheit oder andere Gründe. Demnach sind die Franzosen durchschnittlich 1679 Stunden im Jahr in ihren Unternehmen tätig.


"Le Monde" di oggi 13 gennaio informa


Des données inédites montrent que la durée effective moyenne du travail en France est une des plus faibles en Europe. La baisse de la durée légale du travail à 35 heures a atteint cet objectif mais manqué celui de la création d’emplois et de partage du travail.
La durée effective du travail en France est une des plus faibles d’Europe. L' exploitation inédite des données de l'Enquête européenne sur les Forces de Travail conduit à trois résultats majeurs :
1. La durée effective annuelle moyenne de travail des salariés à temps plein en France est, avec la Finlande, la plus faible de l'Union Européenne : 1 679 heures en 2010.
2. La France a connu la diminution de la durée effective de travail des salariés à temps plein la plus forte de l’Union Européenne : - 270 heures entre 1999 et 2010.
3. Les durées effectives annuelles moyennes de travail des travailleurs non-salariés à temps plein (2 453 heures) et des salariés à temps partiel (978 heures) se situent en France dans la moyenne-haute européenne.
Une stratégie française de baisse de la durée du travail peu efficace pour l'emploi et le pouvoir d’achat
L'Enquête sur les Forces de Travail livre aussi des données comparables sur le niveau et les formes d’emploi, riches d'enseignements pour la politique économique :
- Dans un contexte de démographie déclinante, l'Allemagne a réussi son "partage du travail" en développant le temps partiel. La quantité de travail totale fournie et le volume du PIB ont augmenté modérément, mais le PIB par habitant a augmenté de façon très significative (+ 13% contre 7% en France). Les réformes du début des années 2000 ont permis une nette augmentation du pouvoir d’achat moyen et du taux d’emploi.
- En France, la réduction de la durée légale du travail a entrainé une forte baisse de la durée effective du travail des salariés. Mais elle a manqué son objectif de créations d’emploi et de partage du travail. En limitant la quantité de travail, une partie de nos atouts démographiques a été perdue, ce qui a bridé le pouvoir d’achat par habitant.
QUALCHE CONSIDERAZIONE
I Greci lavorano più dei Tedeschi - vanno malissimo
I Tedeschi lavorano meno dei Greci - vanno bene
I Portoghesi lavorano quasi quanto i Tedeschi - sono andati in tilt
I Francesi lavorano meno dei Tedeschi e degli Italiani - vanno così così
I Finlandesi lavorano meno di tutti - vanno benissimo

Non sarà mica che la palla al piede dei Paesi in crisi è lo STATO in sé stesso?
Prendiamo ad esempio l'ITALIA, di cui conosciamo molte debolezze:
- per assolvere o condannare un povero-si fa per dire-cristo quante ore di giudici, cancellieri, avvocati, archivisti etc. si usano in Italia?
- per accettare una qualsiasi domanda, da iscrizione alla scuola alla partecipazione ad un concorso, all'ingresso in un'organizzazione statale, regionale etc. quanti documenti richiede lo stato? (raccomandazioni escluse).
- per partecipare ad una gara di fornitura di merce o prestazioni a stato, regione, provincia, comune etc. quanta carta si deve preparare?
- per installare dei segnali stradali in una città (da traffico a fermate bus, a pubblicità, a divieti e permessi) quanti enti vengono coinvolti. Quale standard segue ognuno degli enti stessi? Chi prepara questi standard?
- per quanto riguarda "fuori città", a meno che non sia un'autostrada, è anche peggio. Da ANAS a provincia, a comune, a frazione. Ognuno con regole spesso differenti.
- quanti tipi di polizia, talvolta scoordinati, ci mette a disposizione lo Stato? (Polizia di Stato, Carabinieri, Finanza, Polizia Regionale, Polizia Municipale, Forestali, etc. trascurando il mare di cui non so niente).
- liberalizziamo? Quanta gente sa che le stazioni ferroviarie e/o i binari sono amministrati da società differenti da quelle che possiedono e gestiscono i treni? E se uno si deve incazzare non sa con chi prendersela. E che se non funziona il telefono il vecchietto romano parla ancora di  SIP. Ma tanto se telefonasse alla società giusta contatterebbe un call-center popolato di bravissime persone, ma che spesso, poverine, non sanno che dirti, per non parlare d'informazioni in caso di scioperi, ché tanto non lo sanno neanche loro e se ne informeranno.
- ma uno stato in cattivo stato può lavorare anche più della Grecia. Quello che conta è il "rendimento", sinonimo d'efficienza. Fosse che fosse che Finlandia e Germania hanno dei rendimenti (organizzazione statale, codici etc.) molto più alti dei nostri?
- e, più in generale, dimenticare le mazzettopoli?

Wednesday, January 11, 2012

IPOCRISIA: primo peccato capitale


Tutti, ripeto tutti, si sono scatenati  sul caso Patroni Griffi; ma nel modo sbagliato. Non è un caso Scaiola né un caso Malinconico. Quei due casi presentano infatti caratteristiche completamente diverse. 
Con tutta probabilità, una costruzione collaudata da oltre 30 anni di passaggio tram (non più ora, ma nel periodo dagli anni '30 agli anni '60 ci passava, se non erro, una delle due circolari, nera o rossa che fosse, che risaliva via degli Annibaldi per poi raggiungere la fermata del Colosseo) non soffre certo di "periculite acuta".  Indi perciò, colui o coloro che se ne sono assicurata la proprietà a condizioni più vicine all'oltremodo vantaggiose che a quelle del famoso "pacco o bidone", hanno certamente approfittato di un'asta o di una trattativa a scopi...possiamo definirli benefici?
Comune di Roma, Enti Statali e altri ricchi possidenti di pregio hanno infatti posto in vendita negli ultimi venti o trentanni, proprietà di sogno, tutte ubicate nelle zone più gettonate della capitale. Parliamo infatti di Trastevere, di Prati, del rione Monti, del Ghetto, dell'Aventino. 
Le trattative? Tutte oltremodo riservate. Ma riservate perché? Aùm aùm? Anche. Ma soprattutto perché, per il tramite di poche agenzie opportunamente selezionate, le varie offerte erano indirizzate esclusivamente a persone o personaggi ben piazzati nel mondo della politica e del relativo sottobosco. 
Con ciò non voglio insinuare che una, due o tre persone in particolare abbiano approfittato di tale situazione. Diciamo pure che i personaggi in questione sono probabilmente svariate decine. Diciamo pure che forse qualche coniuge, parente o prestanome spesso in mezzo c'è. Diciamo pure che si evita di parlarne a voce troppo alta. Recentemente il possibile piazzamento di proprietà a condizioni di favore, forse troppo reclamizzato, o politicamente inviso a qualcuno, è finito sui giornali. L'operazione è stata sospesa. 
Annullata? Ma vogliamo scherzare?






Sunday, January 08, 2012

AUTO BLUBLU-AUTO BLU-AUTO GRIGIE


Secondo Brunetta, il numero delle auto...chiamiamole tricolori, è impressionante - qualche centinaia di migliaia, con una spesa annua (esercizio più manutenzione) superiore ai 20 miliardi di Euro.
Secondo l'autocensimento in atto, non dovrebbero invece superare le 75,000, con una spesa annua di 4 miliardi di Euro.
Che la prima o la seconda stima sia quella vera mi lascia, non dico indifferente (credo più a Brunetta che alle autocertificazioni), ma per lo scopo che mi prefiggo è irrilevante.
Tu sommo...tu cinguettante Passera!
a- liberalizza il sistema taxi, come promesso e annunciato;
b- prendi dieci,  venti o trentamila di queste autoblu e muniscile di licenza taxi;
c- fanne omaggio a persone possibilmente non legate a mafia, camorra, 'ndrangheta o sacre corone che dir si voglia (secondo Brunetta il certificato di verginità deve essere prodotto dallo stato e rigirato al suo interno, senza rompere i santissimi alla persona interessata). Non organizzare aste. Queste finirebbero fatalmente controllate dai mafiosi.
d- distribuiscile sul territorio secondo le necessità appurate.
e- evita ovviamente che si metta in atto un accentramento delle licenze nelle mani di pochi individui. Eventualmente accetta la formazione di cooperative...blu!
f- cosa più importante: assicurati che la persona che prima poggiava le proprie natiche  - o quelle della sua signora in giro per spese - si rassegni, senza compensazione alcuna, ad utilizzare un proprio mezzo di locomozione (dalla bici all'autobus passando con mugugno per l'auto di proprietà) per raggiungere qualsivoglia dei vari luoghi di lavoro: ministero, Montecitorio, banca, Palazzo Madama, ASL, ufficio regionale, provinciale, comunale. 
Ho certamente dimenticato qualche destinazione.



FRANKFURTER ALLGEMEINE di oggiAffäre des BundespräsidentenPlanspiele für Wulffs Rücktritt

07.01.2012 ·  Bundeskanzlerin Merkel und Vizekanzler Rösler stehen laut FDP-Führung in engem Kontakt, um sich im Falle eines Rücktritts von Bundespräsident Wulff auf einen Nachfolger zu einigen. Die Bundeskanzlerin dementiert. 
Il che, tradotto alla buona, ci dice che: 
"la Cancelliera Merkel e il Vicecancelliere Roesler sono palesemente in stretto contatto con la Direzione del partito FDP per poter concordare un successore  nel caso di dimissioni del Presidente della confederazione Wulff .La Cancelliera smentisce. "   
          
Perché i giornali italiani trascurano argomenti del genere?
Grande Germania ci intimidisce?

Saturday, January 07, 2012

IGNORANZA, PARTITISMO 
 o (falso) RISPETTO PER
I GRANDICELLI d'EUROPA?


La stampa italiana è prodiga di commenti relativi alle gaffe d'uno dei candidati repubblicani alle primarie per la Casa Bianca. Effettivamente di prove (della sua ignoranza) ne aveva fornite in abbondanza. 
E di Carla? Si è parlato molto del presunto-smentito scandalo relativo al possibile cambio di destinazione di parte dei finanziamenti alla campagna anti AIDS condotta dalla presidentessa.
Ma di Mr. Wulff? Di colui che ha tentato a più riprese di distruggere (altro verbo non trovo) l'indipendenza della stampa tedesca; di colui che ha ricevuto un pallido supporto da parte della Merkel; di colui che aveva cominciato la diatriba con il solito "se ci provate vi faccio chiudere il giornale"; che poi il giornale era solo il "Bild", è vero, ma il Frankfurter Allgemeine si è subito schierato a difesa della 'stampa', e che se anche la Angelina di turno ha detto che alle giustificazioni fornite da Herr Wulff bisogna crederci, nessuno ha cambiato posizione riguardo ai dubbi formulati sull'ottenimento, sembra fortunoso, d'un prestito di 500,000 € per costruirsi casa quando di mestiere faceva il governatore della Bassa Sassonia.
Ma  in fondo chi è ora questo Wulff?
E' solamente il Presidente della Repubblica Federale di Germania. (di Grande Germania, come si dice qui da noi)
E la stampa italiana? Tace, allineata e coperta per non indispettire l'Angelina da cui dipende tanto del futuro della cosiddetta Europa.

Thursday, January 05, 2012

QUANDO      I GRANDI CAPI SI SCONTRANO

QUANDO      I GRANDI CAPI SI SCONTRANO


# Merkel vs.Wulff
# Napolitano vs. Berlusconi


Certo, anche se tutto avviene per ragioni completamente diverse, ci meraviglia il fatto che un Presidente di Repubblica Federale litighi, e di brutto, con la Cancelliera della repubblica stessa e che un Presidente di Repubblica raffazzonata (25% delle regioni sono a statuto speciale e più del 50% della ricchezza repubblicana minaccia la secessione) mostri una più che manifesta antipatia nei confronti d'un Cancelliere, ora cancellato,  anche se a suo tempo liberamente eletto dal popolo, per bue che sia (il popolo).

Le ragioni del litigio tra Wulff e Merkel sono riassunte qui di seguito:

Un imprenditore tedesco tale.Geerkens, aveva prestato nel 2009 la somma di 500mila € a Wulff per l’acquisto di una casa. Questo avveniva prima che Wulff divenisse presidente della Grande Germania (era governatore della Bassa Sassonia) Se ci fosse qualcosa di scaioleggiante nel "prestito" probabilmente non lo sapremo mai. Fatto sta che una certa mancanza di chiarezza nella concessione del prestito è venuta all'orecchio dei giornalisti del "Bild" che prepararono un articolo in cui si dibatteva della tipologia del prestito ricevuto da Wulff (nel frattempo divenuto presidente della Repubblica Federale). 
Wulff, che probabilmente è stato bocciato all'esame di "tecnica delle intercettazioni" presso la Libera Accademia Silvio, piazzò una telefonata a dir poco del tipo "Voi non sapete chi sono io!" Infatti, il 12 dicembre 2011, il Presidente avrebbe provato a contattare il direttore responsabile di "Bild", Kai Diekmann ammettendo di non essere stato per niente chiaro relativamente ai suoi rapporti con Geerkens e perché  questi gli avesse accordato il "prestito". Il tutto ovviamente condito di "Se pubblicate una cosa del genere vi faccio chiudere baracca!...etc".  e accompagnato da minacce di denunce nei confronti dei singoli giornalisti. 
Fatto sta che il tutto è stato pubblicato da "Bild".
Da diverse parti sono state chieste le dimissioni di Wulff da Presidente della Repubblica Federale. E' di questi giorni la sua decisione di non dimettersi
Chi ha detto "tutto il mondo è paese?"  Stia ben attento! Wulff lo denuncerà per "accostamento arbitrario e ingiustificato" al malcostume italiano. 
In questo caso, se non altro stupefacente, chi ha sofferto, soffre e rimugina è la Cancelliera Merkel.

Parliamo ora delle rogne di casa nostra (attenzione! ho ben scritto "casa nostra")
Il Presidente del Consiglio viene costretto al licenziamento sui due piedi a seguito d'una azione pressante e combinata del Presidente della propria Repubblica, del Presidente d'un'altra repubblica, da una Cancelliera un po' abbondante di fianchi.
Le ragioni? Rifiuta forse di prendere in dovuta considerazione i desiderata di:

- Capetta della Confindustria
- Capetti di alcuni Sindacati
- Monsignor Bagnasco
- Presidente della Ferrari
- er Trota e suo papà
- Tre monti al costo di uno
- come compensare Nicolas per il mancato nucleare
- NATO per la Libya
- eredi Agnelli con e senza Marchionne
- burocrazia del sud
- Angela, per aiutarla a salvare un Euro distratto
- pappa vari attivi in alcune grosse industrie italiane
- pappa vari attivi in alcune (?) banche italiane
Manca qualcuno? Si registri, per favore!

E il Presidente della Repubblica? Non mi dite che lo ha aiutato per la discesa! Non ci crederebbe nessuno.

2 gennaio 2012

Wednesday, January 04, 2012

COLPO DI STATO ?  


Senza colpo ferire il gentiluomo, garante della democrazia, pur non essendo stato scelto dal popolo - popolo che difficilmente l'avrebbe votato a causa del suo passato comunista - si è autoeletto presidente d'una repubblica presidenziale di stile francese.
Ha scelto un primo ministro. Ha partecipato attivamente alla selezione dei cosiddetti tecnici componenti del governo da imporre ai cittadini. D'accordo con i partner europei ha dato al governo tecnico le direttive generali da seguire per convincere il popolo italiano che tutto il possibile verrebbe fatto per risanare l'economia della nazione, stabilizzare il deficit, risollevare l'industria, riguadagnare il rispetto che il paese merita in Europa e nel mondo, etc.etc.
Ricorda qualcosa?
Solo che quella volta un discorso del genere fu fatto a un re che contava quanto il due di coppe. La vera similitudine si ritrova nel fatto che, mentre dietro Pippetto c'erano gli industriali piemontesi preoccupati per l'incombente comunismo, questa volta, dietro il Presidente, ci sono Confindustria e ABI. Una spintarella del Vaticano con un pò di bla' bla' sulle coscienze, sulla solidarietà e quant'altro è stata anche di qualche aiuto. 
Per mantenerselo buono e caritatevole, quell'altro signore fece restituire al Vaticano le proprietà confiscate dai piemontesi; questo signore invece propone di chiudere uno, due o più occhi sulle questioni fiscali riguardanti quelle ed altre proprietà immobiliari. La tecnica è però la stessa.
Si comincia con prudenza, mantenendosi nell'ombra ed evitando interferenze troppo palesi; poi però qualcosa sfugge al controllo. Una telefonata Merkel di troppo. E recentemente: "Bisogna riformare gli ammortizzatori sociali!" E' questa un'espressione tipica da presidente d'una repubblica non presidenziale? 
Come proteggeremo gli interessi dello stato? Organizzeremo una Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale (MVSN)?
No! Sei matto? Stonerebbe troppo in un Paese democratico! Scateniamo invece Equitalia. 
Con le sue cartelle pazze, spesso dimostrate tali in passato, terrà un mare di poveri cristi inchiodati agli sportelli dell'Agenzia delle Entrate e stroncherà quindi sul nascere qualsiasi velleità di reazione violenta contro i "tecnici".

Cosa dobbiamo aspettarci ora? Un Patto d'Acciaio con Grande Germania?
No. Non si può. Nicolas si ribellerebbe. Si sentirebbe pugnalato alle spalle così come quella volta che facemmo lo scherzetto d'accordo con baffino. No, non D'Alema. Quell'altro più cattivello che, al posto della barca, teneva qualche U-boot. 
Ma non dobbiamo disperare. I tempi saranno più rapidi: data l'età veneranda del golpista non ci toccherà un ventennio questa volta. 


Monday, January 02, 2012

HITLER ? Meglio della CULONA!


Almeno lui lo diceva: "Sono un duro e voglio diventare padrone dell'Europa! O del mondo intero? Si vedrà."
Ci ha provato. A viso aperto. Baffetti ben curati. Occhi da matto. Discorsi da ubriaco fradicio. Applausi ben organizzati. Un Goebbels a disposizione per ogni evenienza.
LEI NO! 
Un aspetto da impiegata "beyond the counter".  Saluti e sorrisetti studiati. Come mamma forse nessuno la desidera, è vero. Come zia andrebbe bene. Ci si aspetta il regalino per il fine settimana e il sorrisetto di consolazione nel caso di rogne in famiglia.

Dal Frankfurter Allgemeine del 2 gennaio 2012
Die Prognosen unterscheiden sich im Detail, die grobe Richtung aber ist klar: Die Arbeitnehmer werden im Durchschnitt des nächsten Jahres netto etwas mehr in der Tasche haben.
che più o meno vuol dire: secondo le previsioni i lavoratori tedeschi avranno a disposizione, al netto delle tasse, più soldi per il 2012 di quanti ne avessero nel 2011.
Siamo felici per loro.

Il fatto è che, andando noi in senso contrario, ci ritroveremo tra non molto, se non già ora, nelle condizioni della valigia di cartone, contenente come minimo la lattina d'olio d'oliva, pronti a partire per andare a lavorare nelle fabbriche tedesche. Quelle nostre nel frattempo chiudono.
E la cara zia che fa? Telefona. "L'Euro: me lo stanno indebolendo. Se non corriamo ai ripari mi ritrovo con un'Europa dollarodipendente. Vai, mio caro, butta fuori qualcuno. Sai che non ce la faccio neanche a guardare in faccia Nicolas?"
Ma quella del telefono deve essere una malattia di grande Germania e di presidenti della repubblica. Ci risulta infatti che anche in relazione a tale herr o doktor Wulff, che di mestiere fa il presidente della federazione tedesca


(sempre dal Frankfurter Allgemiene)
Über Vieraugengespräche und Telefonate gibt der Bundespräsident aber grundsätzlich keine Auskunft.“ Zuvor hatte die Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung berichtet, Wulff habe bei „Bild“-Chefredakteur Kai Diekmann eine Veröffentlichung zu verhindern versucht.
che più o meno vuol dire: sulla conversazione a quattrocchi e sulla telefonata il presidente della federazione in fondo non ha dato informazione alcuna. "Al che il Frankfurter Allgemeine di domenica ha informato che Wulff ha tentato d'impedire al caporedattore di "Bild" Kai Diekmann di pubblicarle. 


Forse presidente e primo ministro avrebbero dovuto assumere tale Silvio quale consulente. Lui d'intercettazioni telefoniche ne capisce!

This page is powered by Blogger. Isn't yours?