.comment-link {margin-left:.6em;} <$BlogRSDURL$>

Logging ideas and thoughts

Tuesday, January 29, 2013

SENTENZA CASSAZIONE "ITAVIA"

Ma se quel missile era veramente francese, questo significa che, lor...cosignori d'Europa,  già allora tentavano di far fuori Gheddafi. O no?...
E noi, italiani, li abbiamo anche coperti? Spegni un radar qua...spegnine uno là...
Ma 'sto segreto del caz..pardon! di stato, quando smetteremo d'applicarlo? 
In particolare quando riguarda un incidente (???!!!) che ha messo un punto finale all'esistenza d'oltre 80 persone!

Monday, January 28, 2013


rogne bancarie più o meno europee

-MA E' IL "MONTE DEI PASCHI DI SIENA" CHE HA TENTATO D'IMITARE LA "DEUTSCHE BANK" O E' VERO IL VICEVERSA?
-E la "DEXIA", più che inguaiata oltre un anno fà: che fine ha fatto?
-E la "COMMERZBANK" che probabilmente si pensa ancor oggi di nazionalizzare?
-E se dovessero ripagare anche i bidoni che hanno mollato ai vari utenti?
-Ma le "Casse di Risparmio" disseminate in paesi e cittadine della Grande Germania e che una dozzina d'anni or sono furono invitate a sistemare la loro posizione assicurativa nei confronti dei rispettivi clienti, l'hanno poi fatto?
-E non parliamo qui della "Bank of Scotland" della quale in quel momento ce ne fregava relativamente poco.
-E le famigerate banche islandesi? 
-Ma, anni or sono, non c'era anche qualche scandaluccio francese con una banca nelle ex colonie asiatiche? Se non erro c'era anche un presidente di repubblica coinvolto.


...il pensiero di quei primitivi antichi romani che, installata una bancarella nei fori, annunciavano: "Cambio dracme, menimmi..." è commovente.


CAMPAGNA E
LETTORALE IN GERMANIA


SteuerbetrugSPD droht Banken mit Lizenzentzug

 ·  Die SPD will Schweizer Banken, die Steuerhinterzieher decken, die Lizenz in Deutschland entziehen, sofern ihr Kandidat Stephan Weil die Landtagswahl in Niedersachsen gewinnt. Damit verschärft die SPD ihre bankenkritische Linie.
Evasione Fiscale (toh! anche da loro?)
EVASIONE FISCALE (toh!!! anche da loro?)





ovvero:
Evasione fiscale (toh! Anche in grande Germania?)
Il Partito Socialdemocratico, qualora nella Bassa Sassonia vincesse il suo candidato Stephan 
Weil, promette di ritirare la licenza ad operare in Germania a tutte quelle banche svizzere  che coprono gli evasori fiscali. 



ATTENTI A TOPOLINO!


Credo che mai Walt Disney  avrebbe previsto una caccia così movimentata alla sua creatura no.1.
Invocato, adorato, maledetto, osannato e gettonato, grazie alle sue virtù di trasformismo e pseudocompostezza, riesce comunque a guadagnarsi rispetto, quando non proprio  ammirazione; un rispetto costruito con sistemi molto sottili, se non proprio subdoli.
Ha mai avuto problemi economici? Non credo proprio. Al massimo ce li ha creati. Ha sempre vissuto della fama e degli utili ricavati dalla corretta notorietà costruiti intorno a lui. Ha saputo sfruttare al momento giusto, vuoi in ore diurne che notturne, la sua fama di analizzatore e gestore dei problemi economici di personaggi molto meno noti ancorché costituenti un pubblico vastissimo. 
Supertecnico nell'ombra, è ormai pronto ad assestarci qualche colpo mancino. 
Alcuni lo danno già avvolto di tricolore in un palazzo troppo grande per lui. Altri lo danno, tecnicamente parlando, padron di casa in altro palazzo, più piccolo sì, ma sempre di prestigio e, sopratutto, centro di potere. 


Thursday, January 24, 2013


Moario Monti in Davos at World Economic Forum
Not quitting his day job, yet: Mario Monti's tells a 'pot calling kettle black' joke at the World Economic Forum. Photograph: Michel Euler/AP                
Al Foro Economico di Davos Monti racconta una battuta del tipo:

'il bue che dice cornuto all'asino'
If Mario Monti does receive the order of the boot in next month's Italian elections, he could try a late career change into stand-up. Monti relayed to Davos how a Qatari royal had told him that "corruption" was the biggest factor preventing Qatar investing in Italy. "I must tell you, I was a bit shocked," Monti dead-panned. "Partly because it wasn't the King of Norway talking." That's bound to bring the Middle East petro-money pouring in.
Se Mario Monti verrà trombato alle elezioni del prossimo mese in Italia potrà sempre tentare una nuova carriera come comico.
Monti ha raccontato ai partecipanti al Forum di Davos che un membro della famiglia reale del Qatar gli aveva detto che la "corruzione" era il fattore principale che impediva al Qatar di investire in Italia.
"Devo dirvi che sono rimasto un po' meravigliato" Monti annichilito "Anche perché non stava parlando il Re di Norvegia"
Questo è il modo migliore per far sì che tanti petro-dollari arrivino dal Medio-oriente!
Commento del traduttore: complimenti a Graeme Wearden che, senza ricorrere a insulti, ha evidenziato i limiti del personaggio. Grazie.
**

Wednesday, January 23, 2013

Che tenerezza questo Monti!

Mi ricorda il mio... insegnante? professore?.. di religione delle scuole medie. Un sacerdote dai capelli grigiobianchi e ricci. Nessuna tonsura. Alto. Occhiali. No. Non indossava un loden, bensì la semplice tonaca nera, standard per quei tempi, tonaca equipaggiata, ovviamente, di "pazienza" ovvero collarino bianco e bavaglino nero.
Ci spiegava il significato delle parabole del Vangelo. Non ci parlava molto della Bibbia in quanto in quei tempi, la Bibbia era considerata dal Vaticano un libro quasi pericoloso per i ragazzini. Immaginate  se, volontariamente o meno, avessimo aperto quel libro al Cantico dei Cantici!
L'unica palese colpa del nostro prof. era l'altisonante monotonia con cui parlava. Raramente riusciva a coinvolgerci nelle vicende narrate dagli apostoli. 
Io avevo l'impressione che si ritenesse molto più d'un bravo sacerdote. Più che spiegare, illustrare, interpretare, il prof. pontificava. E ovviamente cercavamo distrazioni alternative durante le sue lezioni. 
In quegli anni andava di moda un giochino consistente in una tavoletta con fori distribuiti su varie righe e bastoncini bianchi e neri  da collocare secondo un certo criterio così da realizzare un allineamento, impedendo allo stesso tempo all'avversario di concludere l'allineamento  dei suoi bastoncini. 
Ovviamente, per evitare la reprimenda dell'insegnante, questo gioco veniva eseguito all'altezza del comparto porta libri del banco.
Un giorno, mentre il prof. ci affliggeva con la sua abituale monotonia giocavo, ovviamente con il mio compagno di banco, al solito giochino. Gli sfugge di mano la tavoletta e i vari bastoncini cadono sul pavimento con scroscio e tintinnio.
Il prof. guarda da sopra gli occhiali il mio compagno di banco autore del misfatto e spara:
"Figlio d'un fascista...a testa a terra e piedi in aria!" (parole vere e indimenticabili) 
Al ché il poverino scoppia in un pianto disperato e il prof. si incavola ancora di più.
E' toccato a me spiegare: "Questo nostro compagno è ebreo. Ha avuto due zii uccisi nei campi tedeschi. Forse quelli, almeno, non erano veramente fascisti..."
Non so come, ma il fatto arrivò all'orecchio del Preside. Nonostante "Vaticano imperante" il Prof. fu sostituito con una mansueta insegnante, più comprensiva sì, ma soprattutto meno aggressiva.

N.B. In quei tempi l'ora di religione era obbligatoria per tutti
una PROPOSTA SEMPLICE SEMPLICE

AZZERARE D'UFFICIO QUALSIASI FORMA DI LIQUIDAZIONE AI TOP MANAGER DELLE BANCHE al momento in cui scollano le chiappe da un posto di potere della finanza!
Se già se ne sono impossessati (moltissimi, se non la totalità di quelli che si spostano da una banca all'altra, a una fondazione, a qualche ministero interessante, o ad una qualche forma di pensionamento dorato), creare e applicare una patrimoniale pari al 100% dei valori incamerati.
Non avere alcuna pietà nei confronti degli appartenenti a questa razza, responsabile, vuoi per incompetenza vuoi per dolo, dei disastri dell'economia MONDIALE.
Con un minimo d'inventiva si potrebbe reintrodurre la gogna. No. Non quella mediatica, cui tutti questi individui sono ormai abituati e nei confronti della quale si sono vaccinati, bensì quella fisicamente vera, da erigere, ad esempio, al centro   d'una piazza molto frequentata (un tempo andò di moda piazzale Loreto a Milano).
Molti di questi signori (???) si spacciano per soloni della finanza. Copiano o creano teorie altisonanti e, evitando controlli praticamente inesistenti, in quanto le autorità preposte arrivano con anni di ritardo a prendere conoscenza dei misfatti commessi dai sullodati soloni, RAPINANO fornitori e utenti dei capitali, spesso esistenti solo in un perverso giro di analisi computerizzate.
Scusate l'incazzatura! Non sono una vittima illustre. Sono solo un normalissimo utente di servizi bancari, che purtroppo legge giornali, guarda la TV e si documenta in rete.


Tuesday, January 22, 2013


Un haut-fourneau d'ArcelorMittal va redémarrer à Dunkerque (ovvero: "mors tua vita mea")

Le Monde.fr avec AFP |  • Mis à jour le 
Abonnez-vous
à partir de 1 €
 Réagir Classer Imprimer Envoyer
Partager   google + linkedin

L'usine ArcelorMittal à Dunkerque.

Le groupe ArcelorMittal a annoncé mercredi 9 janvier la réouverture, dans la semaine du 17 janvier, d'un haut-fourneau, fermé depuis août, de son usine de Dunkerque, confirmant des informations d'origine syndicale. Le haut-fourneau numéro 2 était "en arrêt programmé de maintenance depuis août 2012 et devait redémarrer lorsque les conditions de marché le permettraient", explique ArcelorMittal dans une déclaration envoyée à la presse.

"C'est une excellente nouvelle, même si, malheureusement, c'est lié à la fermeture de Liège et Florange", estimait lundi Philippe Collet, délégué CGT ArcelorMittal. ArcelorMittal a ainsi procédé à plusieurs arrêts et fermetures d'usines, notamment l'arrêt définitif des hauts-fourneaux de Florange, après un affrontement de plusieurs mois avec le gouvernement français.
Ce redémarrage doit permettre au site de retrouver 100 % de son activité, ce qui pourrait permettre à une centaine d'intérimaires de revenir travailler sur le site, espère M. Collet. L'arrêt du haut-fourneau numéro 2, décidé à l'origine pour des questions de maintenance, avait été prolongé plusieurs semaines en raison de la faiblesse des commandes.
TROIS MILLE TROIS CENTS SALARIÉS POUR TROIS HAUTS-FOURNEAUX
Le groupe, qui a investi 8 millions d'euros pour la maintenance du haut-fourneau, a expliqué sa décision par "une légère reprise technique en Europe du fait d'un phénomène de restockage de l'acier chez les clients liée à la faiblesse des stocks""La demande d'acier européenne reste largement inférieure aux niveaux d'avant crise. Cependant, nous constatons une légère reprise technique au début de cette année", a détaillé le directeur général d'ArcelorMittal Atlantique et Lorraine,Henri-Pierre Orsoni, cité dans la déclaration.
"C'est la raison pour laquelle nous réagissons rapidement en redémarrant le haut-fourneau numéro 2 de Dunkerque afin de nous assurer de répondre aux besoins de nos clients", poursuit-il. Le site de Dunkerque, qui emploie plus de 3 300 salariés avec trois hauts-fourneaux en fonctionnement, a une capacité de production "de 7 millions de tonnes", rappelle ArcelorMittal.

Guerra di Altiforni?  IIII   IIII / IIII   IIII / IIIIIIIIIIII
   
Questo articolo è ancora più attuale oggi 22/01/2013, giorno in cui apprendiamo che, per l'ennesima volta, la Magistratura Italiana ha cancellato l'ordinanza governativa di dissequestro del prodotto in giacenza all'ILVA di Taranto.
Notizie dei giorni precedenti indicavano crisi di vendita per i prodotti della Thyssen-Krupp, tanto che i Tedeschi condannavano l'intervento del governo francese nella crisi dell'acciaieria in Lorena (interventi dello stato francese non conformi alle direttive comunitarie).
Ma Prodi cosa aspetta per imporsi a Hollande?

Comanda, il prode Prodi, sì o no MiSMA?


L'altra volta, d'accordo con gli Inglesi, i Francesi hanno smontato tutta la Libia. Oggi, a parte  l'intervento degli Algerini a casa loro, i Francesi sembrano prendere in mano la direzione delle operazioni in Mali. I giornali, per la prima volta nominano anche il Niger. Tutti i Paesi coinvolti, dal sud della Libia, al Tchad, al Mali, al Niger, hanno una caratteristica in comune: l'Uranio. Quelli di Al Qaeda sono tutt'altro che cretini. Vanno quindi a sfrugugliare proprio in quei Paesi. E'  giusto quindi far loro il sederino a pois. Ma, domanda: chi ha permesso loro d'installarsi tranquillamente, Tchad a parte, in quei Paesi chiudendo gli occhi per tanti anni? (una cinquantina, gli anni, se non sbaglio)
Quando il mio primo figlio è nato in quel di Francia, avrei potuto iscriverlo come cittadino italiano o cittadino francese. In quel momento (1968) la Francia faceva la guerra nel Tchad. Ho pensato: se lo iscrivo come cittadino francese c'è il rischio che con queste tempistiche me lo mandino a fare il servizio militare nel Tchad! E quindi l'ho iscritto come cittadino italiano. Ragionamento identico per il secondo figlio.
Ora, non sono un profeta, ma negli anni 90 la Francia faceva ancora la guerra nel Tchad, cosa che fa, per lunga tradizione, anche nel 2013.
Caro Romano. Quale comandante in capo dell'ONU in Mali, cerca d'evitare (ma forse è già troppo tardi) che i Francesi, ritrovato il grande amore con l'Algeria, si trovino ingolfati in una guerra simile a quella del Tchad, guerra che si presume durerà fin quando finanziatori golfisti terranno in piedi i signorotti d'Al Qaeda.

Friday, January 11, 2013

Politiken, Copenhagen

Nye beregninger: Solcellerejere må vente 22 år på overskuddet

Secondo i nuovi calcoli le celle solari daranno un 

utile ai loro proprietari solo dopo 22 anni.

Tilbagebetaling på solceller er næsten fordoblet.

Il tempo necessario all'ammortamento dell'investimento in celle solari è quasi raddoppiato.


Il tutto, europeisticamente parlando, arriverà anche qui da noi. 



Secondo gli ordinamenti precedenti, la produzione e l'uso delle celle solari venivano rilevati annualmente, mentre ora verranno rilevati per ora
La maggioranza delle persone sarà al lavoro mentre il sole splende. Utilizzerà perciò una quantità molto minore d'energia.

Du kan stadig tjene penge på at investere i solceller, men besparelsen er skrumpet betydeligt ind.
Puoi ancora guadagnarci qualche soldo con le celle solari ma il risparmio (guadagno) risulta ora estremamente ridotto.
Hvor en husejer tidligere kunne hente sin investering ind på fem-ti år, tager det med de nye regler, som trådte i kraft ved årsskiftet, mellem 11 og 22 år at få overskud på solcellerne.
Se prima il ritorno sull'investimento poteva essere valutato in 5-10 anni, secondo le nuove regole, entrate in vigore con il nuovo anno, ci vorranno da 11 a 22 anni prima di conseguire un vero guadagno con le celle solari. 
Questa revisione delle regole ha preso di contropiede gli investitori. 
Quelli che l'ultimo anno avevano dato luogo ad una vera e propria esplosione degli investimenti in celle solari potranno comunque continuare a sfruttare le vecchie regole.
Ci fosse stato lo zampino della mafia anche in Danimarca? Famosa conferenza di Copenhagen sulle energie rinnovabili?
E solo ora ci si accorge che, almeno per ora, quegli incentivi non sono sostenibili?





r


OGNUNO HA LA SUA SAlerno-ReggioCalabria

ovvero l'aeroporto  Berlin Brandeburg


Go ahead 2006

initially Opening 2011

delayed 2012

reScheduled to open 2014

New Construction completion 2017

Full operative 2020

Construction costs were estimated at 4.2 billion euros
Construction costs revised at  10 billion euros (10/01/2013)
Le Conseil de sécurité a demandé un «déploiement rapide» de la force internationale au Mali devant la "grave détérioration de la situation" sur le terrain.

Le Mali demande l'aide militaire de la France6


L'armée malienne est confrontée à une nouvelle offensive des groupes armés islamistes dans le centre du pays. La réponse de Paris est attendue vendredi.


PRODI, PRODI! MA CHE FAI? PERDI COLPI?

afficher la suite des articles

Wednesday, January 09, 2013


Gli USA stanno considerando il ritiro completo dall'Afghanistan entro l'anno prossimo. 

(ma noi...quando?)

USA overvejer fuldstændig tilbagetrækning fra Afghanistan næste år

Politiken, Copenhagen

Præsident Barack Obama og den afghanske regering forhandler omtilbagetrækningsplan for USA's styrker.

Il presidente Barack Obama e il governo afgano stanno trattando sul ritiro delle forze USA dall'Afganistan.

Tuesday, January 08, 2013



NON RICORDO DOVE L'HO TROVATO
ma suona bene e convincente

Ci limitiamo in questa sede a citare un frammento di Democrito tramandatoci da Stobeo. Il frammento è il 252 e vi si legge: «È necessario porre l’interesse dello Stato al di sopra di tutti gli altri, perché lo Stato sia governato bene, e non cercare continui pretesti per andare contro l’equità né permettersi di tentare sopraffazioni contro il bene comune. Perché uno Stato ben governato è la più grande fortuna, e quando vi è questo vi è tutto, e se questo è salvo tutto è salvo e se questo perisce tutto perisce». Da questo testo risalente al V secolo a.C si ricava ...

è chiarissimo. Ma in che mondo viveva il buon Democrito?

VAI! CHE' PARTE UN'ALTRA PRIMAVERA!
Parliamo qui del nuovo sport affermatissimo in Europa. Per ora è limitato a un certo numero di Paesi, per tradizione giocatori perfetti o perfettibili d'uno sport riservato a pochi esperti forniti di preparazione mentale superiore e di opportuno tempo e denaro da perdere agevolmente. Pensate al polo per esempio.Korruption in ChinaJagd auf die kleinen Fische

 ·  Blogger legen immer mehr Korruptions- und Sexskandale chinesischer Funktionäre offen. Fraglich ist allerdings, wie ernst es die Parteiführung mit der Korruptionsbekämpfung meint.
Alla caccia dei pesci piccoli. In Cina è stato censurato un blog che si era dedicato soprattutto al trattamento di gossip, corruzione e scandaletti sessuali relativi ai capetti del partito comunista al potere.



-per ora nessuno ha tentato di spacciare per primavere gli exploit di quei nostri amministratori sbattuti, anche se per pochi giorni, in galera. 
In fondo, detti signori hanno insegnato a noi, popolo bue, come si possono amministrare allegramente i nostri soldi, togliendoci la preoccupazione di studiare i menu delle cene promozionali, delle gite alle antille con amichette di coscia lunga, o di qualche supercongresso tra amici.

non disperiamo! Siamo ancora a gennaio! Una "primavera" non si nega a nessuno!

Sunday, January 06, 2013

Voto degli Italiani all'estero


Il farraginoso sistema adottato in Italia a conclusione della costante azione di quel deputato avanti con gli anni,  quindi un pò rinco, oggi defunto, è caratterizzato da diverse fasi:

- individuazione del domicilio all'estero del potenziale votante:
- Preparazione del voluminoso dossier contenente certificato elettorale, presentazione dei candidati, istruzioni per il voto e sua presentazione. Nel caso dell'Egitto si è constatato che il voluminoso pacchetto di carte ha fatto gola ai postini e non è mai stato consegnato ai destinatari. Nel mio caso, il consolato italiano di Houston, Tx (USA), in occasione dell'ultima tornata elettorale, mi ha annunciato che i trenta giorni rimasti non sarebbero stati sufficienti per richiedere e ottenere tutte le mie carte. Quindi? No voto. D'altra parte avrei potuto votare per italiani illustri sconosciuti magari forniti di lazo e di cavallo.

In Paesi leggermente più avanzati e civili basta avere con sé documento d'identità e il certificato elettorale. Se stabilmente residente all'estero si vota per uno dei candidati "esteri"; altrimenti si vota per un candidato su territorio nazionale.
Più brogli? No: solo più voti e meno casino elettorale.
Ma noi siamo il solito paese di santi, pensatori, navigatori...

Friday, January 04, 2013

   del "diritto universale"


Nello statuto e Regolamento della Conferenza Episcopale Italiana l'espressione "diritto universale" viene utilizzata più volte:


Rapporti con la società civile
Deliberazioni giuridicamente vincolanti
§ 1. La Conferenza emette deliberazioni giuridicamente vincolanti soltanto nei
seguenti casi:
a) quando ciò è previsto dal diritto universale;
etc.

ART. 7
Competenze
b) nelle materie ad essa demandate dal diritto universale o dalla Sede Apostolica o da
accordi stipulati tra la Santa Sede e lo Stato Italiano.

§ 3. Adempimenti di carattere amministrativo previsti dal "diritto universale", da
disposizioni di carattere concordatario o affidati da mandato della Sede Apostolica sono
attuati, salva diversa disposizione statutaria, dalla Presidenza della C.E.I., sentiti il Consiglio 
per gli affari giuridici e, nelle questioni di maggiore importanza, il Consiglio Episcopale 
Permanente.





ART. 16
Deliberazioni giuridicamente vincolanti
§ 1. La Conferenza emette deliberazioni giuridicamente vincolanti soltanto nei
seguenti casi:
a) quando ciò è previsto dal diritto universale;
etc.

Non essendo giurista, mi sono rivolto ad amici e conoscenti per conoscere la definizione di "diritto universale". Risultato pari a zero.
Ho tentato quindi con internet.
Unico risultato conseguito:

Copertina anteriore


Dell'unico principio e dell'unico fine del diritto universale

di Giambattista Vico,Carlo Sarchi
libro scritto verso la fine del '600 immagino. Giambattista Vico era nato nel 1668.
Che cosa racconti questo corposo libro di oltre 300 pagine non lo saprò mai in quanto il mio ultimo interesse è la filosofia. So solo che questa è l'unica pubblicazione individuata relativamente  al 

diritto universale.



Avrà la Chiesa Cattolica data tanta importanza al diritto universale identificato da un filosofo?



Esiste un qualche altro diritto universale cantato e beatificato da altro autore? Questo non lo so.



Sarà in base al diritto universale vichiano che il cardinal Bagnasco entra spesso a gamba tesa nel sistema Italia?








Wednesday, January 02, 2013




POLITIKEN, Copenhagen
 31. DEC. 2012 KL. 21.03

1.800 år gammelt auditorium dukker op under metroudgravninger

Un Auditorio vecchio di 1800 anni salta fuori durante i lavori di scavo della metro.

Arkæologer finder kæmpe, underjordisk kulturcenter under Roms mest trafikerede kryds.

Gli archeologi scoprono un enorme centro culturale interrato sotto l'incrocio più trafficato di Roma.


Fem en halv meter under et af Roms mest trafikerede vejkryds – Piazza Venezia – har italienske arkæologer opdaget et op mod 1.800 år gammelt kulturcenter med 900 siddepladser. Det skriver New York Times.
Cinque metri e mezzo sotto l''incrocio stradale di piazza Venezia a Roma archeologi italiani hanno individuato un centro culturale antico di 1800 anni consistente in tre grandi sale per un totale di 900 posti a sedere. (anno 123 d.c. Adriano imperante).

Qualche considerazione:

- E' vero che noi romani a queste cose ci siamo abituati. Foro più, foro meno!

- E' vero  che, a proposito di fori, molto spesso per le strade di Roma troviamo buche attribuibili più alla scarsa manutenzione che alla ricerca archeologica.

- E' vero che i lavori della metro, secondo il progetto del 1939, da molto tempo sarebbero dovuti arrivare alla linea F o G mentre i lavori in corso (?) sono quelli della linea C.

Tutto ciò è vero! Ma che, a meno di non leggere pubblicazioni specializzate  si debba essere informati da un giornale danese che riporta come fonte il New York Times, sembra proprio 'un po' fori dell'ordinario'!

nota: la foto è stata certamente scattata in occasione d'una qualche manifestazione sindacale o studentesca.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?