.comment-link {margin-left:.6em;} <$BlogRSDURL$>

Logging ideas and thoughts

Thursday, December 31, 2009

NESSUNA RELIGIONE VALE QUANTO LA VITA D'UN ESSERE UMANO.
Questo, tale PIO XII avrebbe dovuto saperlo.

Salvare la religione cattolica è costato la vita di milioni di esseri umani.

Tuesday, December 29, 2009

San Apollinare aiutaci tu!

Dunque! Per far un favore al Vaticano.
Quale tipo di favore?
Emanuela sapeva troppe cose?
Emanuela era stata coinvolta in certe altre cose?
Emanuela aveva preso parte in certe altre cose?
E non era neanche psicolabile!
Certamente monsignor (cardinal?) Poletti è stato molto riconoscente. In fondo il De Pedis era un insigne benefattore! Ma di chi? Di che cosa?

Caro Vaticano. Ringrazia Dio che un certo Shakespeare sia defunto, altrimenti chi gli avrebbe tolto la battuta "C'è qualcosa di marcio nel regno del Vaticano"?
Guardie svizzere di comportamento sessuale un pò dubbio comportante anche un piccolo omicidio. Marcinkus fatto fuggire all'estero per sottrarlo al mandato di cattura della Polizia di Stato Italiana. Monsignor Pio Laghi tenuto a lungo nell'ombra per purgarlo dallo spirito troppo collaborativo nei confronti di certi generali argentini. Banchieri d'assalto, introdotti direttamente o indirettamente da tale Paolo VI, assassinati nel modo più conveniente. Pedofili a go-go.
Abbiamo mai provato a calcolare l'incidenza dei crimini (conosciuti) sul totale della popolazione d'uno Stato? Che il Vaticano passi al primo posto? Non mi meraviglierebbe.

Wednesday, December 02, 2009

ELOGIO dell’AUTOMOBILISTA


Ormai, grazie a Fini, lo "stronzo" è stato sdoganato!


Però qualche scrupolo rimane. Sono un pò all'antica e non riesco a ripetere l'epiteto.

Di conseguenza, per evitare la pena che mi dà la scrittura della parola infame, userò il "copia incolla".


L'automobilista, generalmente alla guida d'un SUV, che ben cosciente del fatto che davanti a se ha una lunga fila di macchine che viaggiano tutte a velocità costante, s'incolla a pochi centimetri dell'ultima della fila è? uno stronzo!

L'automobilista che, incurante del fatto che sta immettendosi su un'autostrada, entra a forte velocità tagliando due corsie per arrivare direttamente su quella a velocità più elevata, è? uno stronzo!

L'automobilista che alla vista dei primi rallentamenti in autostrada pesca la prima area di servizio e bypassa una fila di macchine guadagnando ben 5 o 6 posizioni è? uno stronzo!

L'automobilista che, emulo d'uno Schumacher o d'un Alonso, passa con grazia da slalomista da una corsia all'altra, compresa quella d'emergenza, e ovviamente senza segnalare le sue intenzioni agli altri, è? uno stronzo!

L’automobilista che, incurante del fatto che ci troviamo nel mese di luglio o agosto e la sterpaglia a bordo strada è pronta a bruciare, getta la cicca della sigaretta accesa dal finestrino dell’auto è? uno stronzo!

L’automobilista che, per comprare il suo giornale, riducendo il numero dei passi necessari a raggiungere l’edicola a 5 o possibilmente meno, parcheggia l’auto in seconda o terza fila è? uno stronzo!

L’automobilista che, al volante e cellulare all’orecchio sproloquia fregandosene altamente di tutto e di tutti quelli che gli stanno intorno è? uno stronzo!

L’automobilista che, avendo appena ricevuto in regalo il tom-tom, guida l’auto con gli occhi incollati al display e sbanda da una corsia all’altra in quanto queste non fanno parte dello spettacolo che lo sta incantando è? uno stronzo!

Se ho ignorato qualcuno mi scuso. Sono un vecchio frequentatore (illuso e rincoglionito) del Grande Raccordo Anulare intorno a Roma.

Nella lotta tra minareti e campanili vincerà forse il tuono?

Gli Svizzeri, quelli con i buchi, hanno votato con chiarezza: no ai minareti!
I Sauditi, quelli con la kefiah, non hanno neanche votato, ma il loro pensiero è chiaro: no ai campanili!
Gli italiani in generale se ne fregano, ma il pensiero che un giorno, a fianco del campanile di Giotto, possa sorgere il minareto di Fuksas, farebbe leggermente incazzare, non solo i fiorentini, ma tutti quelli che sono dotati d’un minimo di buongusto.

Per ora la disputa è limitata a oggetti di tipo verticale, come il campanile e il minareto. Ci potremmo aggiungere l’obelisco. Quello di Axum, a suo tempo, ha causato non poche dispute e difficoltà. D’altra parte il Romano, quello azionista della società dei magnaccioni, ha sempre avuto il viziaccio di fregarsi in giro per il mondo obelischi di fattura pregiata: vedi San Giovanni in Laterano, San Pietro, Trinità dei Monti. E questi sono solo alcuni dei frutti delle molteplici rapine. L’obelisco però, oltre a rappresentare un simbolo fallico, non identifica una religione la cui invadenza possa essere paragonata a quella del cattolicesimo e dell’islamismo.

Diciamoci sinceramente quello che pensiamo: premesso che a nessuno glie ne frega più di tanto delle religioni, perché ostinarci a partecipare in una guerra delle stesse?
Ispiriamoci a gente che tutto ciò ha superato da un pezzo, agli abitanti cioè dei Paesi Baltici. Questi, avendo sofferto l’invadenza di missionari del culto di Cristo (cattolici e non) e, più tardi di quelli del culto di Lenin e Baffone, hanno preferito, ben oculatamente, fare un salto indietro nel tempo: In maggioranza sono ora “atei” o addirittura “pagani”. Questi ultimi adorano il fuoco, l’acqua, il tuono etc. sinceramente, entità più vicine a noi dal punto di vista della percezione.
Dio richiede una fede. L’ateo non ce l’ha. E il pagano neanche. Non è più semplice?
Tra acqua, fuoco, vento, tuono, preferisco quest’ultimo. Non pretende nè campanili né minareti. Essendo solitamente associato al fulmine, li butterebbe giù...con santa pace di tutti.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?